Dottoressa Loredana Mei Fecondazione Assistita
HOME PAGE
CURRICULUM VITAE
Il PERCORSO della COPPIA
TECNICHE ESEGUITE
  Generale
  IUI
  FIVET
  ICSI
  Prelievo chirurgico degli         spermatozoi
  Crioconservazione
  Altro
INFO e COSTI
RISULTATI
 
 
 
     
  Prenotazioni telefoniche
   
 

Firenze - Via Giulio Caccini,18
055-416231 o 055-488709

Catania - P.zza Santa Maria di Gesu', 16
095-503295

Bari - Viale Unità d'Italia, 88
080-5565482

Reggio Calabria - Via Soccorso, 6
0965-598157

 

info@dottoressaloredanamei.it

 
 
ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo)


L’iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo (ICSI) fa parte delle tecniche di micromanipolazione di gameti ed embrioni.
L’ICSI è una tecnica che comporta la microiniezione di un singolo spermatozoo in un ovocita maturo allo scopo di ottenerne la fertilizzazione. Perché ciò avvenga la donna si deve sottoporre ad una stimolazione della crescita follicolare con farmaci idonei (gonadotropine) e quindi alla aspirazione dei follicoli per via ecografica per ottenere più ovociti maturi da iniettare.
Gli ovociti vengono iniettati utilizzando delle sofisticate apparecchiature che comprendono l’utilizzo di un microscopio a forte ingrandimento, dei microaghi ed un micromanipolatore.

Quando viene consigliata?

Si raccomanda la fecondazione in vitro con l’ICSI:

    • a tutte le coppie con un’infertilità dovuta ad un fattore maschile medio/severo,
    • azoospermia ostruttiva e secretiva (spermatozoi testicolari o epiidimari)
    • mancata o ridotta fertilizzazione in precedenti cicli di fertilizzazione in vitro (IVF)
    • ovociti scongelati
    • ridotto numero di ovociti
    • seme crioconservato in relazione alla qualità seminale successiva allo scongelamento
Dottoressa Loredana Mei
 

Modalità di esecuzione

Può essere eseguita in ciclo spontaneo o con induzione della crescita follicolare e maturazione di più ovociti mediante la somministrazione di farmaci induttori dell'ovulazione.
La ICSI è una tecnica di laboratorio e dunque essa riguarda semplicemente il trattamento dei gameti; le altre tappe delle metodiche di fecondazione in vitro ( induzione della crescita follicolare multipla, prelievo ovocitario, trasferimento degli embrioni) sono pertanto analoghe a quelle precedentemente riportate.
Le tappe della ICSI sono:

    • Un ovocita maturo viene tenuto da un lato con una particolare micropipetta
    • Un microago dalla punta sottile ed affilata viene utilizzato per fermare lo spermatozoo ed aspirarlo al suo interno.
    • Questo microago viene quindi inserito lentamente all’interno del citoplasma dell’ovocita.
    • Lo spermatozoo viene iniettato e depositato all’interno dell’ovocita ed il microago lentamente viene rimosso

Dopo 16 -18 ore l’ovocita viene controllato per assicurarsi che la fertilizzazione sia avvenuta.


Risultati e rischi della  l’ICSI


I tassi di fertilizzazione con la tecnica ICSI nella maggior parte dei centri di sterilità è di circa il 50% -70% degli ovociti iniettati.
Le percentuali di gravidanza con la fecondazione in vitro con l’ICSI sembrano essere superiori a quelle ottenute con la fecondazione in vitro senza l’utilizzo della ICSI. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che l’età delle donne sottoposte a ICSI è relativamente più bassa se confrontata a quella di donne che si sottopongono ad un ciclo FIVET per motivi diversi dall’infertilità dovuta a fattore maschile severo.

Naturalmente la percentuale di fertilizzazione e gravidanza può variare nei singoli casi, in base alla tecnica utilizzata, alla esperienza dell’operatore che esegue l’ICSI, alla qualità del laboratorio di embriologia come anche alla abilità dell’operatore che esegue l’embrio-transfer.
   
 
  by WebEconomy.it   Copyright © | Dottoressa Loredana Mei | P.I. 05938540720 | info@dottoressaloredanamei.it